>> Home > Scuola per tutti > Spettacoli > Scene d'autore

Scene d'autore

Cervantes

Gli allievi del I e II anno, al termine dei corsi 2008-2009, portano in scena gli speccoli: 

Lisistrata
di Aristofane

Er Miles Vantone
da Plauto di Pier Paolo Pasolini

Sogno di una notte  di mezza estate
di William Shakespeare

Eleuterio e Sempre tua
di Maurizio Jurgens

Nuovo Teatro Colosseo 
5-6-7 giugno 2009 
spettacoli pomeridiani e serali 

 

Guarda la Photo Gallery

BREVE SINOSSI DELLE OPERE SCELTE

Lisistrata
Guidata da Lisistrata, personaggio principale della vicenda, la storia si sviluppa in un luogo pubblico, nella cittadina di Atene, dove le donne chiedono ai propri mariti di far cessare la guerra del Peloponneso, consapevoli di ottenere una pace sicura. Per prima cosa, ingaggia il supporto delle donne di Sparta, Boezia e Corinto, anch'esse stanche della guerra. Lisistrata dà alle donne la forza per andare avanti senza sesso e senza uomini. Dopo giorni duri, gli uomini cominciano ad avere dolori fisici per mancanza di sesso e, di conseguenza, fanno pace velocemente, negoziando con i vari paesi. Lisistrata dopo ciò dichiara che lo sciopero del sesso è finito e, dopo molto tampo, le donne tornano finalmente a casa dai loro mariti. 

• Er Miles Vantone
Filocomasio, giovane cortigiana, e Pleusicle, cittadino ateniese, sono innamorati. Mentre Pleusicle è ambasciatore a Naupatto, arriva ad Atene Pirgopolinice, che la porta con sé a Efeso. Sulle tracce dell'amata del padrone si mette subito Palestrione ma la sua nave viene abbordata dai pirati che lo vendono proprio a Pirgopolinice. Lo schiavo riesce a far sapere al padrone dove si trova, così Pleusicle arriva a Efeso e viene ospitato da Periplecomeno, un vecchio che era stato ospite ad Atene del padre del ragazzo. Palestrione espone il soggetto della commedia e spiega come, forando il muro divisorio tra le case di Pirgopolinice e di Periplecomeno, riesce a far incontrare furtivamente i due innamorati. Da qui una serie di equivoci e astuzie fino al fortunato seppur violento finale. 

• Sogno di una notte  di mezza estate
L'intrccio è molteplice: si tratta del colpo cattivo giocato dal re delle fate, Oberon, per mezzo del suo folletto Puck, alla propria sposa Titania, e a due coppie di mortali. Il succo di un certo fiore, spremuto sugli occhi di una persona addormentata, la fa innamorare del primo essere che che ella incontra al suo risveglio. Così, stregata, Titania s'invaghisce di Botto, un artigiano che Puck aveva trasformato in asino, l'ordine amoroso delle due coppie di mortali viene alterato... Buffonesca parodia dell'irrazionalità del sentimento d'amore e delle passioni dell'animo qui conciliati con un clima fantastico e poetico.

• Eleuterio e Sempre tua
La storia di uno dei più fortunati sketch radiofonici: il caustico, impietoso e coloritissimo battibecco tra un marito e una moglie sempre sull'orlo di una crisi irreversibile, che provoca il continuo ritorno di lei a casa della madre, e l'inevitabile riappacificazione col rientro sotto il tetto coniugale. Idue coniugi incarnano il disfacimento della coppia borghese. La famiglia allargata ancora non esisteva e le separazioni erano sconsigliate per motivi di decoro. In compenso esisteva già la doppia casa. Riferimenti non casuali, visto che nella vita i due inarrivabili attori che portaro al successo la pièce, Paolo Stoppa e Rita Morelli, rimasero insieme per quarant'anni, senza sposarsi, evitando persino di dividere lo stesso appartamento. 

     

     



^ Back to Top